SIAS

Archivio di Stato di Parma

Carteggio farnesiano e borbonico estero

collezione / raccolta

Estremi cronologici: 1217 - 1802

Consistenza: bb. 636

Storia archivistica: Il Carteggio estero fu costituito a partire dal XIX secolo attraverso lo spoglio di diversi fondi di età farnesiana e borbonica. Verosimilmente il fondo che fu maggiormente utilizzato per creare questa raccolta fu quello della Segreteria ducale come dimostrerebbe la presenza di numerosa corrispondenza di ambasciatori e di membri delle famiglie regnanti.
La documentazione, estrapolata dalla sua collocazione originaria, fu raccolta per provenienza delle missive e ordinata cronologicamente. Sebbene la costituzione del fondo sia attribuita ad Amadio Ronchini non è da escludere che lo spoglio fosse stato già iniziato in età borbonica. Infatti, dal confronto con la documentazione farnesiana conservata presso l'Archivio di Stato di Napoli ne emerge la stessa struttura.
Già a partire dal 1878 il fondo fu oggetto di vari riordinamenti che continuarono ininterrottamente fino al primo ventennio del XX secolo.

Descrizione: Nella raccolta è conservato carteggio prefarnesiano, farnesiano e borbonico. La documentazione è divisa in serie corrispondenti alle date topiche della spedizione delle missive. Le serie sono ordinate alfabeticamente e, al loro interno, cronologicamente. Vi si conserva il carteggio proveniente da fuori Italia, e, poi, quello proveniente dagli antichi stati italiani. La documentazione si presenta molto eterogenea e, spesso, non riconducibile all'originaria produzione.
Si segnala, inoltre, la presenza di parte del carteggio del cardinale Alessandro Farnese di cui si conservano alcune buste anche presso la Biblioteca Palatina di Parma, antica sede dell'Archivio di Stato. Infine, la serie «Francia» contiene il carteggio di diversi ambasciatori del periodo borbonico e successivo tra cui quello di Flavigny, ambasciatore di Francia presso la corte di Parma, del conte d' Argental, ambasciatore presso la corte di Francia, del segretario De Virieu e di Bonaventura Llovera; mentre nella serie «Germania» si conserva il carteggio Pier Luigi Dalla Rosa, Carlo Anguissola e Filippo Scotti, tutti diplomatici presso le corti europee.

Ordinamento: La raccolta è ordinata sommariamente per provenienza del carteggio e cronologicamente.

Numerazione: La raccolta è numerata con un unico numero di corda sequenziale.

Strumenti di ricerca:

La documentazione è stata prodotta da:

La documentazione è conservata da:


Fonti:
  • ARCHIVIO DI STATO DI PARMA, Archivio dell'Archivio, Corrispondenza, 1878, b. 58
  • ARCHIVIO DI STATO DI PARMA, Archivio dell'Archivio, Relazioni, 1887 - 1921, b. 3

Bibliografia:
  • P. FELICIATI, Porre mano all'intricata matassa. L'archivio del presidente Ferdinando Cornacchia e gli stati parmensi tra domino francese e Restaurazione, Macerata 2015
  • Synopsis ad invenienda, l'Archivio di Stato di Parma attraverso gli strumenti della ricerca (1500 - 1992), Parma 1994, 186 - 188
  • M. PARENTE, I fondi farnesiani dell'Archivio di Stato di Parma, in "Archivi per la Storia", 1988, pp. 53 - 70
  • Guida Generale degli Archivi di Stato italiani, vol. III, Archivio di Stato di Parma, a cura di M. Parente, Ministero dei beni culturali ed ambientali, Ufficio Centrale per i beni archivistici, Roma 1986, 373
  • G. DREI, L'Archivio di Stato di Parma. Indice generale, storico, descrittivo ed analitico, Roma 1941, 42, 103

Redazione e revisione:
  • Bandini Laura, 12/03/2017, prima redazione