SIAS

Archivio di Stato di Novara

Beldì Aldo

fondo

Estremi cronologici: 1930 - 1999

Consistenza: 2.108 unità archivistiche

Storia archivistica: Il fondo archivistico di Aldo Beldì è entrato a far parte del patrimonio documentario dell’Archivio di Stato di Novara nel 2001 tramite la donazione stabilita da Paolo Beldì, figlio di Aldo nel tentativo di scongiurare la dispersione delle carte professionali del padre, titolare di un importante studio pubblicitario dal 1945 al 2000 e garantendone, al contempo, una corretta conservazione e pubblica fruizione attraverso attività di studio, ricerca e valorizzazione.
In particolare, nel 2002, le carte di Beldì sono state oggetto di uno studio da parte di Valentina Cavagnino che ha redatto una tesi di diploma nell’ambito del Corso di Scenotecnica dell’Accademia di Belle Arti ACME di Novara mentre, nel 2017, Emiliana Mongiat ha condotto un ulteriore approfondimento edito in Lo scrigno della memoria; opera dedicata alle raccolte documentarie dell’Archivio di Stato novarese.
Nel corso del 2020 per volontà della Direzione dell’Archivio di Stato e grazie al contributo della Fondazione Comunità Novarese onlus - Fondo dott. Giovanni Pagani, si è provveduto al complessivo riordino delle carte Beldì tramite una prima schedatura informatica delle unità archivistiche, il loro riordino e condizionamento in cartelline e faldoni atti alla lunga conservazione e la redazione di un apposito inventario analitico.

Descrizione: Il fondo è organizzato in 3 sezioni, 10 serie, 33 sottoserie e relativi sottolivelli di descrizione, per un totale di 2.108 unità archivistiche, datate dal 1930 al 1999, comprensive di 330 disegni e 21.725 fotografie pubblicitarie e promozionali, per un’estensione complessiva di 122,3 metri lineari.
La documentazione lasciata da Aldo Beldì ha la peculiarità di condensare in sé le valenze proprie di un archivio personale (con corrispondenza, appunti e fotografie di carattere famigliare e privato) e quelle di un archivio professionale (testimone della nascita e dello sviluppo dal 1945 al 2000 di una delle più importanti agenzie pubblicitarie d’Italia).

Strumenti di ricerca:

La documentazione è stata prodotta da:

La documentazione è conservata da:


Bibliografia:
  • R. MORONI (a cura di), 58/68 Dieci anni di arte a Novara, Milano, Branchero, 1990, catalogo della mostra, Novara 26 maggio-30 giugno 1990
  • E. MONGIAT, L'Archivio di Aldo Beldì, in: Lo scrigno della memoria, I, Novara, Consorzio Mutue, 2017, pp. 96-120
  • V. CAVAGNINO, Aldo Beldì pioniere della pubblicità, tesi di diploma, relatore prof.ssa V. Piasentà, Accademia delle Belle Arti di Novara, A.A. 2001/2002

Redazione e revisione:
  • De Franco Davide Bruno, 2020-04-08, revisione
  • Ludovici Andrea, 2021-03, rielaborazione
  • Montanari Mirella, 2005-04-14, prima redazione in SIAS