SIAS

Archivio di Stato di Ancona

Archivio notarile mandamentale di Sassoferrato

fondo

Estremi cronologici: 1317 - 1976

Consistenza: 1676 unità: voll. e bb. 1471, bb. 205

Storia archivistica: Fu Archivio notarile centrale nella Delegazione apostolica di Macerata, ma non ricevette concentrazioni poiché gli archivi notarili comunali di Genga e Serra San Quirico, che dovevano esservi concentrati, ottennero di essere conservati per grazia presso le rispettive sedi.
Per effetto del R.D. 7 gennaio 1929, n. 30, vi furono versate le copie già di pertinenza dell'Archivio notarile mandamentale di Arcevia di data posteriore al 1879.
Il complesso documentario è stato versato all'Archivio di Stato di Ancona in data 3 ottobre 1981. Attualmente a corredo del fondo esiste un inventario provvisorio, ed è in programma un ulteriore intervento di riordino e descrizione.

Descrizione: Rogiti (1317-1870), esibite, apoche e testamenti rogati dai parroci (1512-1816), amministrazione dell'archivio notarile (Indici, repertori, inventari, corrispondenza dell'archivio notarile, 1603-1976), abbazia di Santa Croce-Notai diversi (1636-1741).
Copie (secc. XVI-XIX). La parte più antica del fondo è costituita dai protocolli di 224 notai attivi nella piazza di Sassoferrato, organizzati per singolo notaio.

Strumenti di ricerca:

La documentazione è stata prodotta da:

La documentazione è conservata da:


Bibliografia:
  • E. LODOLINI, Gli archivi notarili delle Marche in "Fonti e studi del corpus membranarum italicarum", III, ed. A.N.A.I., Roma, 1969, 61-62

Redazione e revisione:
  • Galeazzi Pamela, 2018/08/07, integrazione successiva
  • SIAS, 2005/06/01, prima redazione in SIAS